top of page
cerchio.png

Giovedì  16 febbraio 2023  h 21,00   
CIRCOLO DEI LETTORI
Via Bogino 9 - Torino

NOTE & PAROLE LOGO.jpg

In occasione dei vent’anni dalla scomparsa di Giorgio Gaber, Tangram Teatro

e il Circolo dei lettoridedicano una serata di ricordi, pensieri e parole

CIRCOLO LETTORI.png

GIORGIO GABER
CON TUTTA LA RABBIA, CON TUTTO L’AMORE

Una serie di filmati ripercorrono un repertorio di canzoni e monologhi che continuano ad interrogarci,
a distanza di tanti anni, sulle contraddizioni di una società sempre più fragile e malata.

Con la partecipazione di 

Gianni Oliva e Bruno Maria Ferraro


I filmati sono tratti da IO SONO QUI prodotto dalla Fondazione Giorgio Gaber

Si ringrazia per la collaborazione e l’amicizia Paolo Dal Bon

LOGO CON TUTTA LA RABBIA firma.jpg
info 5.jpg

INFO Tangram Teatro - Via Don Orione 5 – Torino  tel 011.338698 | www.tangramteatro.it torino@tangramteatro.it

            Circolo dei lettori – Via Bogino 9 – Torino  tel  011 8904401 | www.circololettori.it | info@circololettori.it

 

INGRESSI  ingresso libero con prenotazione obbligatoria: INFO  www.circololettori.it 

Le ricorrenze sono “opportunità”. 

Se teniamo lontano la retorica, la nostalgia, l’enfasi,  diventano occasioni di rilettura e di condivisione.

Giorgio Gaber se ne è andato vent’anni fa. Un arco di tempo lunghissimo. Chi l’ha seguito e amato ha riempito questo tempo non soltanto con il ricordo, ma con un repertorio di canzoni e monologhi di straordinaria, incredibile attualità.
In questo incontro, che propone una serie di filmati selezionati dalla Fondazione Gaber diretta da Paolo Del Bon, lo storico Gianni Oliva e Bruno Maria Ferraro approfondiscono la parte “politica” della produzione firmata Gaber – Luporini.  Invettive, prese di distanza, attacchi frontali, sembrano scritti ieri per il nostro oggi. A chi chiedeva a Sandro Luporini come mai le canzoni e i monologhi che Gaber portava in scena siano ancora oggi di straordinaria attualità, lui rispondeva sornione che loro non erano preveggenti, è la realtà che è sempre la stessa, non si modifica.  Resta il fatto che rivedere Gaber in azione su un palcoscenico non è solo rivivere il repertorio di un arista che ha lasciato un segno profondo e un ricordo indelebile, ma è sollecitare la residua intelligenza di una società a dir poco contraddittoria.

… e la risposta è sempre la stessa: si, Gaber ci manca.

Festival Teatro & Letteratura         2022

bottom of page