MaldiPalco 2013

SPETTACOLO
TEATRO CARIGNANO
Sabato 19 ottobre 2013  ore 21.00

L'AMORE RUBATO

Letture interpretate da
Valter Malosti -  Laura Curino
Lucilla Giagnoni  -  Bruno Maria Ferraro

In chiusura
ALESSANDRA COMAZZI intervista DACIA MARAINI
E' stato rivolto invito alla Presidente della Camera dei Deputati, On. Laura BOLDRINI, a partecipare alla serata inaugurale e al confronto sul tema VIOLENZA NO


Messa in scena Ivana Ferri

 

CIRCOLO DEI LETTORI
Domenica 20 ottobre 2013  ore 16.30

L’AFFETTIVITA’ MALINTESA

"La violenza, un atto di guerra e di umiliazione dell'altro" (D. Maraini)
 

ospite d’onore DACIA MARAINI
conducono:
Alessandra COMAZZI – La Stampa
Antonella Parigi – Circolo dei Lettori

 

Tra il pubblico, a sorpresa, interverranno
personaggi di rilievo del mondo dello spettacolo

 

 

___________________________________________________

24 e 25 Ottobre

TANGRAM TEATRO

 

 

COMUNQUE
POLONIO
ERA MALATO

 

 

MALEVOLEVABENE
 

Di e con Monica Bonetto

Regia Stefano Dell’Accio

Produzione C.P.E.M.

 

 

“Il titolo risuona in diversi modi, alludendo a più significati, da quello minimale (cosa piccola, graziosa ma di poco conto), sino a quello che richiama una collezione di ritratti di personaggi memorabili nel loro campo.

Nel mio caso si allude ironicamente al primo e si punta caparbiamente al secondo, proponendo brevi ritratti di donne vittime di violenza”

 

 

 

  1. Incontro con il “Nucleo prossimità” (comparto dei Vigili Urbani che si occupa di seguire le donne vittime di maltrattamenti nel periodo che intercorre tra la denuncia e l’intervento del giudice) e Ass. Tiarè 23 Ottobre ore 21 @Casa del Quartiere San Salvario;

2. Incontro con G. Cavalli, attore e giornalista sotto scorta – 22 ottobre @La Fabbrica dell “e” (Gruppo Abele)

__________________________________________________________

26 e 27 Ottobre
TANGRAM TEATRO

 

 

LA DONNA IDEALE

 

Di e con Paola Raho e Valentina Volpatto

Regia e produzione Officine per la Scena

 

Una donna sia alta che bassa può essere comunque bella se:

le linee immaginaria tra i capezzoli tra capezzolo e base del collo devono essere tutte tra i 18 e i 22 cm

l’areola deve avere un diametro compreso tra i 3,8 e i 4,2 cm e deve distare dalla piega mammaria non più di 9 cm.

Il rapporto tra la circonferenza della vita e la circonferenza dei fianchi deve essere uguale al numero magico: 0,67.

La distanza tra lo sterno e l’ombelico deve essere due volte quella tra ombelico e pube.

Il profilo dalla base del collo al pube deve essere una linea retta.

Il rapporto tra l’altezza della donna e la larghezza delle spalle deve essere uguale a 1,618

la distanza tra femore e ginocchio deve equivalere alla circonferenza della coscia.

 

1. Mostra di abbigliamenti e oggetti femminili di varie culture e videoproiezioni delle interviste realizzate per lo spettacolo (da proiettare al Tangram un’ora prima dello spettacolo);

2. Laboratorio teatrale con donne italiane e straniere gestito da OPS insieme a Almateatro 12,13 e 19 Ottobre

3. Prova aperta del laboratorio con intervento di G. Bordin al 20 Ottobre @Tangram Teatro

3. Incontro con Psicologo sui disturbi alimentari.

_____________________________________________________________________

 

31 Ottobre

TANGRAM TEATRO

 

 

 

COMPAGNIE

PERSONA
LYON

CAHIER D’UN RETOUR AU PAYS NATAL
 

con Joël Lokossou

Regia Renaud Lescuyer

                   Produzione Compagnie Persona - Lyon       

 

Il "Diario del ritorno al paese natale" è stato ed è il diario della faticosa presa di coscienza non solo di cosa significa essere "negro", negli anni '40, ma anche di ciò che significano oppressione e sfruttamento colonialista. In Césaire tale presa di coscienza assume un carattere profondamente rivoluzionario che, uscendo dal carattere fisiologico del colore della pelle, assume una dimensione universale: causa ed effetto della sua grandezza poetica. Breton che lo incontrò in Martinica riconobbe immediatamente nella terra di cui parlava Césaire la sua terra, la nostra terra; il negro che incontrò non era soltanto negro, ma l'uomo tutto.

 

Incontro realizzato in collaborazione con Centre Culturel Français di Torino 

_________________________________________________________________________

2 e 3 Novembre

TANGRAM TEATRO

 

 

 


SUDATESTORIE

LOVE WILL TEAR US APART

(L’amore ci farà a pezzi)

 

Con Cheristian Castellano e Roberta Maraini

Di Christian Castellano e Enrico Seimandi

 

Amore rubato: ad alcuni è rubata per sempre la possibilità di provare amore.

Amore rubato: l’ amore è un porno racconto da telenovela.

Amore rubato: sesso e relazioni sentimentali come dipendenza.

 

Dipendenza: l’urgente necessità di dover praticare un’attività, di dover mettere in atto un comportamento per trovare immediata soddisfazione a un bisogno. La dipendenza... il lato oscuro del piacere

 

 

 

 

1. Incontro con Amnesty International e Associazione Antigone, che si occupano di turismo sessuale e dell’assistenza alle donne straniere carcerate; 29 Ottobre @Università di Torino

2. Incontro con il Dott. Jarre e il Prof. Coggiola sulle dipendenze sessuali e l’immaginario porno nella cultura pop. 30 Ottobre @ Circolo Arci Bazura (San Salvario)


____________________________________________________________________

 

7 e 8 Novembre

TANGRAM TEATRO

 

 

 

PICCOLA          . COMPAGNIA .
DELLA               .
MAGNOLIA     .  .      ..

TITUS / Studio sulle Radici

Riallestimento

 

Con Davide Giglio

Regia Giorgia Cerruti

Produzione Piccola Compagnia della Magnolia

 

Studiare le Radici.

È studiare il sangue, i rapporti primari di parentela o comunque i rapporti senza mediazioni, di rito e mito.

È dire a qualcuno “sangue mio” perché lui scorre in te, perché se recidono lui recidono te; lo dice un genitore al figlio, è un legame complesso e dolente che è al suo vertice tra padre e figlia nel Titus e che può essere accettato o respinto ma mai negato.

È la recisione del legame essenziale della parte con il tutto: il legame tra figli e genitori, tra fratelli, il legame con i cari nonni che ti facevano ballare sulle ginocchia, un tuo bigliettino d’auguri che la nonna ha conservato per anni e che dovrà essere posto con lei nella tomba, il legame tra gli arti (mani, lingua….) e la totalità corporea

 

 

1.Incontro con: Nadia Fusini, esperta di Shakespeare, sul rapporto tra Tito e Lavinia, Chiara Camerani, esperta di antropofagia e uno Psichiatra da definire sull’elaborazione del lutto; al Museo Lombroso

2. Proiezione di Titus di Peter Stein al Laboratorio Quazza

3. Incontro con Julie Taymor, regista di

Titus con A. Hopkins, e proiezione del film

in collaborazione con Prix Italia al

Cinema Massimo

 

 

TITUS / Studio sulle Radici

Riallestimento

 

Con Davide Giglio

Regia Giorgia Cerruti

Produzione Piccola Compagnia della Magnolia

 

Studiare le Radici.

È studiare il sangue, i rapporti primari di parentela o comunque i rapporti senza mediazioni, di rito e mito.

È dire a qualcuno “sangue mio” perché lui scorre in te, perché se recidono lui recidono te; lo dice un genitore al figlio, è un legame complesso e dolente che è al suo vertice tra padre e figlia nel Titus e che può essere accettato o respinto ma mai negato.

È la recisione del legame essenziale della parte con il tutto: il legame tra figli e genitori, tra fratelli, il legame con i cari nonni che ti facevano ballare sulle ginocchia, un tuo bigliettino d’auguri che la nonna ha conservato per anni e che dovrà essere posto con lei nella tomba, il legame tra gli arti (mani, lingua….) e la totalità corporea

 

 

1.Incontro con: Nadia Fusini, esperta di Shakespeare, sul rapporto tra Tito e Lavinia, Barbara Lanati e Giorgia Cerruti Chiara Camerani, esperta di antropofagia e uno Psichiatra da definire sull’elaborazione del lutto; al Museo Lombroso

2. Proiezione di Titus di Peter Stein al Laboratorio Quazza

 

___________________________________________________________________

9 e 10 Novembre

TANGRAM TEATRO

 

 

 

 

 

RELAZIONE PER UN’ACCADEMIA

Di Franz Kafka

 

con Antonio Villella

Regia Bruno Franceschini

Produzione CRAB / Teatro Abitato

 

Una scimmia, catturata dagli uomini, inizia suo malgrado a somigliare loro. Nel disperato tentativo di farsi sentire, di emergere e di “essere adeguata” la bestia riesce nell’intento di farsi accettare e amare. Umanizzata al punto da tenere una conferenza di fronte agli esimi professori dell’università, non si accorge però che, pur avendo guadagnato la parola, la capacità retorica e l’assoluta somiglianza all’essere umano, ha perduto e tradito la sua integrità e l’essenza del suo essere. Dietro ai grandi gesti e all’apparenza perfetta si apre il baratro di un vuoto incolmabile.

 

 

 

1. Incontro con il Prof. Massino e il Prof. Schiavoni sulla figura femminile in Kafka (autore di un’edizione della traduzione de “Lettere a Milena”) presso il Goethe Institut;

2. Incontro su “Sesso e carattere” di Otto Weininger: perché la donna è da temere da un punto di vista scientifico/filosofico – parallelismo donna/ebreo.

:___________________________________________________________________

 

14 15 e 16 Novembre

TANGRAM TEATRO

 

 

Costruendo_LOLITA

 

Di e con Silvia Battaglio

Con la supervisione di Julia Varley

Produzione Compagnia Silvia Battaglio

In collaborazione con Odin Teatret (Eugenio Barba)

 Tangram Teatro e C.ie Zerogrammi

“Se inizialmente Lolita gioca con la seduzione e, consapevole del suo fascino, vuole sperimentare il “potere”, si ritrova però molto presto nel ruolo di figlia e amante sottomessa, e il gioco finisce. Lolita diventa grande, si fa più scaltra. (…)Da gioco sensuale la seduzione diventa per Lolita ‘strumento di potere’”

Sara Marcucci – Lolita, analisi di un’ossessione

Tra Lolita e Humbert si instaura inevitabilmente un rapporto di dipendenza tale per cui Humbert interpreta allo stesso tempo sia il ruolo di padre protettivo che quello dell'amante geloso, consapevole di possedere totalmente Lolita, di poterla mangiare ogni qualvolta lo desidera come fosse di sua proprietà.

 

1. Incontro con Silvano Agosti, regista e scrittore, presso Circolo dei Lettori

_____________________________________________________________

 

23 e 24 Novembre

CAVALLERIZZA REALE

 

In occasione della 

Giornata internazionale

per l'eliminazione
della violenza contro la donna
 
ricorrenza designata
dall’ ASSEMBLEA GENERALE DELLE NAZIONI UNITE  
 

 

 

PASSI AFFRETTATI

di e con la presenza di Dacia Maraini

con Giulia Balbi, Elisabetta Girodo Angelin, Valeria

Finotello, Jacopo Meneghini, Luca Molinari,
Massimo Saracino, Federica Bottega, Elena Montanari

Regia Ivana Ferri

Produzione Tangram Teatro

Sette storie di donne vittime di violenze nel mondo.

Il libro nasce dall’elaborazione, a opera della scrittrice, di una serie di testimonianze raccolte in tutto il mondo sul tema della violenza alle donne. Il testo raccoglie sette storie di donne, di diverse aree

del mondo, con religioni diverse tra loro, con stili di vita diversi, eppure accomunate da una triste realtà, ovvero quella di essere vittime della violenza, a volte cieca e immotivata, a volte retaggio di una cultura arcaica lungi dall’essere superata, in contesti che, in apparenza, dovrebbero invece proteggerle ed amarle. Sono i “passi affrettati” di Lhakpa, Aisha, Civita, Juliette, Amina, Teresa e Viollca sette donne che raccontano esperienze di dolore e di  discriminazione.

 

1. Incontro con le psicologhe di Telefono Rosa sulle realtà che lavorano sul territorio nella tutela delle donne maltrattate; l’incontro sarà organizzato alla Casa del Quartiere San Salvario il 25 Novembre in occasione della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza Contro le Donne;

______________________________________________

 

CAVALLERIZZA REALE
24 ottobre 2013  ore 21.00

 

dibattito finale
con lo psichiatra VITTORINO ANDREOLI
e il giudice dott. CASTELLANI

 

CON LA PARTECIPAZIONE DI

Suor Giuliana Galli

del presidente del Teatro Stabile di Torino Evelina Christillin
e dello psichiatra dott.Antonio Di Matteo


e degli attori, registi, tecnici ed organizzatori delle compagnie teatrali
che hanno partecipato al progetto

 

Serata conclusiva organizzata in collaborazione con l’associazione MAMRE centro di etnopsichiatria, psicoterapia e di sostegno psicologico rivolto a persone e famiglie migranti. Nel corso della serata sarà consegnato ufficialmente l’incasso della serata di apertura a sostegno di progetto per la difesa dell’individuo

 

 

Tangram Teatro Torino        

Via Don Orione, 5 - 10141 Torino
tel. e fax 011.338.698

P. IVA 06875150010
CF  97537330017

 

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA                                      A

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA                                      AAAAAAAAA

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA                                      AAAAAAAA

  

Dati a cura di Tangram Teatro Torino. L'utilizzo di immagini pubblicate su questo sito è subordinato  ad autorizzazione da richiedere a    torino@tangramteatro.it