GLOBO 3.jpg

ETTORE BASSI

IL MERCANTE DI LUCE

dal romanzo di ROBERTO VECCHIONI

Adattamento e regìa IVANA FERRI

Musiche originali di Massimo Germini
Voce fuori scena Patrizia Pozzi
Citazioni musicali
Roberto Vecchioni – W.A. Mozart

direzione tecnica Massimiliano Bressan
Fonico Loris Spanu

Scena Gianni De Matteis
Materiali DB Sound – Asti

Segreteria di produzione  Roberta Savian
Ufficio Stampa Tangram Teatro

 

Produzione Tangram Teatro

con il sostegno del Ministero della cultura
e della Regione Piemonte.

FENESTRELLE   Campo sportivo - ingresso libero 

venerdì   12  agosto 2022     ore 21,00

Dichiarazione di Roberto Vecchioni tratta dall’intervista di Guido Andruetto per REPUBBLICA

 

“ Non era facile da realizzare una trasposizione per il teatro di quello che ho scritto, ma ho trovato delle persone appassionate che sono riuscite a farlo. La Ferri è una bravissima scrittrice e grande donna di teatro, Bassi è un bravissimo attore. Si sono innamorati del romanzo e mi hanno cercato per poterlo trasformare in uno spettacolo teatrale. Cosa che mi ha fatto emozionare come pochi.  (…) Penso che il teatro sia davvero la creazione, il momento creativo dell’uomo. E allora sentirmi io piccolo esecutore di questa creazione, non dico che mi abbia fatto galleggiare nell’aria, ma certamente mi ha dato una gioia immensa.”

vecchioni.jpg
IL MERCANTE DI LUCE nella foto Ivana Ferri (ph Manuela Gomez)(2) sm.jpg
cerchio.png
info 5.jpg
cerchio.png
IL MERCANTE DI LUCE  di Roberto Vecchioni - tegìa Ivana Ferri  nella foto Ettore Bassi c.j
13445696-615609488595703-2933304016256924449-n.jpg
IL MERCANTE DI LUCE  di Roberto Vecchioni - tegìa Ivana Ferri  nella foto Ettore Bassi (ph

Ivana Ferri torna ad occuparsi di un teatro attento a problematiche sociali aperte e lo fa riunendo un gruppo di lavoro di rara sensibilità.

“Il Mercante di luce”, bellissimo e toccante romanzo scritto da Roberto Vecchioni, narra del viaggio poetico di un padre e di un figlio


Ettore Bassi è il protagonista di questo particolare racconto, parole febbrili e piene d’amore, pronunciate da un padre al proprio figlio.

Il tentativo di lasciargli un dono, il più grande possibile, oltre la felicità, il disamore e l’amore, la casualità di nascere oppure no, oltre tutto questo che è un frullar d’ali in una melodia alta e che ci portiamo dentro al di là del tempo dato.

 

Festival Teatro & Letteratura         2022