MA SONO MILLE PAPAVERI ROSSI

Il nemico secondo Susanna

 

Un viaggio attraverso un secolo alla ricerca del nemico, per crescere, imparare e capire.
Così… con la saggezza dei semplici e l’onestà di chi non ha dimenticato i valori.    Ivana Ferri

riallestimento 2019

Scritto e diretto da Ivana Ferri

Con
Bruno Maria Ferraro e Massimo Germini

e la partecipazione della piccola Susanna Ferro

 

Musiche di   Ivano Fossati, Roberto Vecchioni, Fabrizio De André, Francesco De Gregori, Lucio Dalla

 

Voci fuori scena  Susanna Ferro e Niccolò Fortunato

 

Gli arrangiamenti musicali sono di Massimo Germini

Disegno luci  Massimiliano Bressan
Montaggio immagini  Gianni De Matteis
Assistenza tecnica Andrea Borgnino
Materiali tecnici DB Sound – Asti
Organizzazione  Mary Rinaldi

Assistente di produzione Silvia Demofonti

Produzione Tangram Teatro Torino
con il sostegno del Sistema Teatro Torino – Regione Piemonte – Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Cento anni fa eravamo appena usciti dalla “grande guerra”. Settant’anni fa era appena iniziato il dopo-guerra.
Quarant’anni fa stavamo attraversando gli anni di piombo.

 
Definizioni di tempo che sostengono una memoria storica che forma il nostro presente e che deve guidare il nostro incerto futuro.

Da queste sollecitazioni Ivana Ferri è partita per costruire un racconto teatrale lungo un secolo, un vero e proprio viaggio al fianco di Susanna, bambina del 1914, testimone di un mondo in trasformazione.

Cosa c’è dentro un secolo intero?
C’è la grande storia che sta nei libri scolastici, c’è la piccola storia delle famiglie e dei sentimenti e c’è la canzone d’autore che nell'ultima parte del novecento è riuscita a raccontare con forza straordinaria tutto questo.

La storia

Susanna ha solo tre anni nel 1917, quando la sua mamma le dice che partiranno per un viaggio lungo alla ricerca del papà che lei non ha mai conosciuto. Susanna non sa che sua madre ha deciso di andare a cercarlo al fronte e riesce in giorni e giorni di viaggio a raggiungere Caporetto. Una mamma e una bimba nell’inferno della disfatta per alla ricerca della propria vita.
Il lavoro entra così subito nel vivo affrontando il tema che vuole indagare: il nemico.  Lo subiamo, ne abbiamo a volte tragicamente bisogno, distrugge le nostre vite, è intorno a noi nascosto nella povertà, nel progresso, nella tecnologia, attraversa, anche lui, un secolo intero mutando, cambiando volto, lasciando segni profondi.
Solo i bambini restano uguali a loro stessi, in tutti i tempi, nel succedersi delle epoche e delle mode.
E così, quel secolo partito da lontano, dal campo di battaglia di Caporetto, procede e diventa l’orrore della seconda guerra mondiale, e poi la rinascita, il piccolo boom economico, diventa il tempo confuso ed esaltante delle lotte giovanili, rifluisce nella perdita dei ruoli e nell’insicurezza sentimentale di un’intera generazione, è travolto dalla tecnologia con le sue false certezze.

I bambini continuano a giocare e Susanna se ne va a 101 anni portandosi via un mondo che non c’è più e  valori che sembrano sempre più fragili. E’ arrivato il nostro oggi.

La musica
A Tangram Teatro è stata assegnata nel 2011 dal Presidente della Repubblica la Medaglia di Rappresentanza per aver saputo leggere la società italiana e il nostro tempo attraverso la canzone d’autore.

Non c’è altro genere musicale e forse altra forma d’arte che sia riuscita a penetrare così in profondità nel nostro tempo, abbia accompagnato la crescita sociale e umana di intere generazioni, sia stata lente di ingrandimento e strumento di rabbia e protesta come la canzone d’autore. Sarà anche musica (dicono) leggera, ma è musica che parla e che raggiunge vette di poesia straordinarie.  E possiede elementi di narrazione teatrale davvero straordinari

La storia di Susanna “cammina” discreta al fianco delle storie raccontate da Francesco De Gregori, Roberto Vecchioni, Fabrizio De André, Lucio Dalla, Ivano Fossati e insieme attraversano un tempo straordinario che abbiamo vissuto e forse non abbiamo ancora del tutto compreso.
 

Gli interpreti
 
Ivana Ferri  
Dopo il Peter Pan scritto a quattro mani con Vittorino Andreoli e portato in scena per Torino Spiritualità affronta con Bruno Maria Ferraro, con cui dirige Tangram Teatro, questa delicatissima e sorprendente storia. E ha chiesto a Massimo Germini uno dei più quotati chitarristi italiani, irrinunciabile partner di Roberto Vecchioni, di condividere con la sua chitarra e i suoi arrangiamenti questo percorso musicale attraverso canzoni spesso dimenticate ma bellissime.
Regista e direttore artistico di Tangram Teatro. Il suo interesse è rivolto prevalentemente ad un teatro di impegno civile. Ha scritto e diretto Margherita Hack una stella infinita interpretato da Laura Curino. Attualmente ha avuto dalla scrittrice Dacia Maraini l’esclusiva per portare in teatro l’ultimo romanzo “La bambina e il sognatore”
Massimo Germini
Massimo Germini, milanese, è un artista completo: musicista e compositore, arrangiatore e produttore discografico. Collabora stabilmente con alcuni dei nomi più importanti della scena musicale nazionale, primo fra tutti Roberto Vecchioni con il quale ha condiviso l’avventura vincente a Sanremo 2011 e poi Lucio Fabbri, Grazia Di Michele. Stimato tra gli addetti ai lavori e molto richiesto nel mondo cantautorale per la sua ecletticità nell’usare gli strumenti a corda.
 
Bruno Maria Ferraro
Attore e cantante da molti anni si occupa di una forma particolare di teatro-canzone che l’ha portato nel 2011 ad un prestigioso riconoscimento del Presidente della Repubblica Italiana. Ha collaborato ultimamente con Vittorino Andreoli  e con Roberto Vecchioni è stato protagonista dello spettacolo “sogna ragazzo, sogna”.  Ha lavorato con Monica Guerritore in “Lucrezia Borgia”. L’ultimo suo spettacolo Qualcuno era Giorgio Gaber è stato allestito per MiTo in collaborazione con la Fondazione Gaber.

Tangram Teatro Torino        

Via Don Orione, 5 - 10141 Torino
tel. e fax 011.338.698

P. IVA 06875150010
CF  97537330017

 

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • YouTube Social  Icon

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA                                      A

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA                                      AAAAAAAAA

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA                                      AAAAAAAA

  

Dati a cura di Tangram Teatro Torino. L'utilizzo di immagini pubblicate su questo sito è subordinato  ad autorizzazione da richiedere a    torino@tangramteatro.it